Emanuele Vietina e Iljia Rotelli

Emanuele Vietina e Iljia Rotelli, due figure di spicco legate al Lucca Comics & Games. Moreno Pedrinzani li ha intervistati per noi.

Vi abbiamo scelti perché siete due personalità di spessore e conoscete l’ambiente delle Ruolimpiadi e Torneo di mastering. Per i lettori che non dovessero conoscervi, presentatevi!

Fuori dalla stanza profonda

Sono un giocatore di ruolo che, come molti altri, ha iniziato a leggere le opere di Vanni Santoni dall’uscita della Stanza profonda. Credo che nel panorama delle interviste che sono state fatte all’autore ne manchi una pensata per gli interessi di un pubblico esclusivo di giocatori di ruolo. Abbiamo lasciato le opere come sfondo per parlare di cosa significa per lui il concetto di gioco di ruolo e come ha influenzato il suo modo pensare e di scrivere. Continua a leggere “Fuori dalla stanza profonda”

Dungeon Next

Oggi vi parliamo di DungeoNext, un sistema di dungeon modulare super realistico per le nostre sessioni di gioco di ruolo! Con pezzi che sembrano veramente in pietra, usciti da un’antica rovina, potremo creare veri e propri dungeon da esplorare. Forse un po’ ingombranti, ma lo sappiamo tutti che molti di noi sono pronti a sgomberare casa per fare spazio a gioiellini di questo genere!

E per conoscere meglio questa meraviglia, quale modo migliore se non quello di intervistare l’autore in persona? Dunque, poniamo subito fine ai convenevoli e iniziamo a fare qualche domanda a Massimiliano Musmeci!

Ciao Massimiliano, parlaci un po’ del tuo progetto! Da dove viene l’idea?

Ciao Luca, grazie di questa occasione di poter parlare di questo mio progetto, a cui tengo molto. Innanzitutto nasce tutto come passione per il gioco di ruolo. Nel 1997 circa iniziai a fare dei piccoli diorami in ardesia, per aiutarmi visivamente durante le partite con il mio gruppo, nel quale masterizzavo da alcuni anni.

Intervista a Paolo Cupola

Paolo Cupola è il presidente della giuria del Gioco di Ruolo dell’Anno, il premio di Lucca Comics&Games dedicato al miglior gioco di ruolo pubblicato nel corso dell’anno precedente alla manifestazione. Lo abbiamo interivistato per porgli qualche domanda sullo stato dell’arte del gioco di ruolo in Italia e per chiedergli cosa si può fare per migliorare la comunicazione su cos’è il gioco di ruolo specialmente verso chi non conosce questo mondo.

1-  Cos’è per lei il gioco di ruolo?

Per me come privato giocatore, quindi NON come Presidente di Giuria, il gioco di ruolo è rigorosamente “Old School”: il GdR tradizionale, quello con cui sono nato e sono cresciuto, con una struttura classica, un Game Master, un party di almeno 3-4 giocatori, un regolamento solido e un’ambientazione consistente, coerente e ben dettagliata; miniature, dadi, schede, carta e penna. Pur apprezzando le varie sperimentazioni e i nuovi generi che sono riusciti a ottenere un discreto seguito nel panorama attuale (ad esempio: quest’anno mi è molto piaciuto “Omen”, un gioco in cui il GM cambia ad ogni turno e invece dei dadi si usano delle pietruzze colorate) io amo i giochi (questo vale anche per i boardgame) che hanno una forte componente narrativa, con una storia, ben scritta, già pronta prima di iniziare a giocare.