Il genio visionario di Asimov e Dick

“Mentre cammini sulla sabbia del deserto, improvvisamente guardi in basso e vedi una tartaruga che arranca verso di te. La raggiungi e la giri sulla schiena. La tartaruga giace lì, con la pancia che cuoce sotto il sole bollente, dimenando le sue zampe, provando a girarsi dall’altro lato, ma non ci riesce senza il tuo aiuto. Non la stai aiutando.
Perché?”

Questa è una delle domande che compongono il famoso test Voight-Kampff, che chiunque abbia visto Blade Runner o letto il romanzo da cui è tratto – Ma gli androidi sognano pecore elettriche (Fanucci, 2017) – sa essere una serie di domande che i cacciatori di replicanti pongono ai sospetti per capire se siano umani oppure no, in base alle loro
risposte e reazioni somatiche. Il genio visionario di Philip K. Dick aveva a cuore il tema dell’umanesimo inteso come insieme di caratteristiche, emozioni e sentimenti che identificano un essere umano in quanto tale, e il romanzo citato in apertura è il caso più famoso, anche se non il più eclatante.

Leggi tutto
Leggi l'articolo completo sulla rivista.
Scarica ora!