Max Headroom

Cyberpunk 2020 non è stato solo un gioco seminale per l’evoluzione dei GdR dei primi anni ’90, è stato il momento in cui il gioco di ruolo ha voluto dare un taglio netto con il passato, per abbracciare tematiche e esperienze che il decennio precedente avevano portato prepotentemente in scena nella società. Le intuizioni del suo creatore, “Maximum Mike”, non solo sono state in parte profetiche, ma hanno creato un immaginario ancora vivo nelle menti di migliaia di giocatori. Tra multinazionali assetate di potere e rocker amati dalla folla, nell’ecosistema di personaggi
presenti nel manuale c’erano loro, i Netrunner, gli unici a poter entrare in quel mondo virtuale che è la rete per andare a caccia di informazioni nei server delle Corporation. Tra i vari “nemici” pronti a saltare addosso al povero personaggio giocante, in forma di programmi più o meno pericolosi, il master aveva però il suo asso nella manica nelle IA, ovvero le intelligenze artificiali, il vero “boss di fine” livello che si voleva presentare al gruppo di gioco quando si voleva giocare duro. Continua a leggere “Max Headroom”

Cinque giochi di ruolo da giocare almeno una volta nella vita

Il nostro hobby sforna centinaia di titoli l’anno, la maggior parte di questi destinata a cadere nel dimenticatoio dopo poco tempo. Ma ci sono alcuni giochi a cui vale la pena di giocare almeno una volta nella vita, in modo da poter dire di aver assaggiato le varie sfumature del nostro vastissimo hobby. La lista che segue è data dal mio gusto personale e si basa anche sul successo che certi giochi hanno avuto e sull’eco che ancora oggi, fuori produzione, continuano ad avere sull’immaginario dei giocatori.

Perché proprio questi giochi?
Tra le decine e decine di titoli davvero belli perché proprio questi? Perché sono giochi che hanno lasciato un segno – i più vecchi sono riusciti a sopravvivere e prosperare nel tempo – i più giovani invece hanno delle idee e delle meccaniche dietro che vale la pena di leggere e scoprire anche se normalmente non si è interessati a niente di diverso dal solito.