Alla ricerca del santo Graal del gioco di ruolo italiano

Il gioco di ruolo in Italia ha ormai una tradizione pluriennale. Giunto dall’America all’interno di una favolosa Scatola Rossa, il gioco di ruolo è diventato in Italia un hobby che piano piano ha conquistato migliaia di appassionati.

Dopo i primi momenti di estatica ammirazione, gli Italiani sono passati dall’essere giocatori accaniti a cimentarsi nel ruolo di Autori. E negli anni hanno avuto risultati davvero brillanti, raggiungendo vette di notorietà pari o addirittura superiori al colleghi Americani sia nel Bel Paese che addirittura all’estero. Continua a leggere “Alla ricerca del santo Graal del gioco di ruolo italiano”

Gioco di ruolo dell’anno 2018

Abbiamo così superato il primo lustro. Sei anni separano la nascita del premio, nato dalle ceneri del Best of show di Lucca Games, dall’annuncio dei finalisti, presentati pochi giorni fa durante l’Open Day dell’archivio Italiano dei giochi, nella città di Udine. Sei anni di critiche e consigli, da parte di editori, autori ma soprattutto del pubblico, che ha mostrato un notevole interesse in un premio voluto per proprio per allargare l’utenza dei giocatori di ruolo in Italia. Continua a leggere “Gioco di ruolo dell’anno 2018”

Kids&Dragons

Kids & Dragons è diventato, con il tempo, un piccolo caso. Si tratta di una serie di sessioni di gioco di ruolo pensate e scritte per ragazzini delle classi di scuola media. La prima edizione si è svolta nel Comune di Chiaravalle (An) e, proprio in questi giorni, viene replicato con successo in varie altre località d’Italia. Siamo stati ospiti al Lucca Comics & Games 2017 per tutta la durata dell’evento e, tra Febbraio e Marzo 2018 si svolgerà il più grande evento di gioco di ruolo per ragazzi mai organizzato in Italia a Firenze con il pieno supporto dell’amministrazione comunale del capoluogo toscano. Come è iniziato tutto?

Beh, sedetevi qui, accanto al fuoco e ascoltate …

Intervista a Paolo Cupola

Paolo Cupola è il presidente della giuria del Gioco di Ruolo dell’Anno, il premio di Lucca Comics&Games dedicato al miglior gioco di ruolo pubblicato nel corso dell’anno precedente alla manifestazione. Lo abbiamo interivistato per porgli qualche domanda sullo stato dell’arte del gioco di ruolo in Italia e per chiedergli cosa si può fare per migliorare la comunicazione su cos’è il gioco di ruolo specialmente verso chi non conosce questo mondo.

1-  Cos’è per lei il gioco di ruolo?

Per me come privato giocatore, quindi NON come Presidente di Giuria, il gioco di ruolo è rigorosamente “Old School”: il GdR tradizionale, quello con cui sono nato e sono cresciuto, con una struttura classica, un Game Master, un party di almeno 3-4 giocatori, un regolamento solido e un’ambientazione consistente, coerente e ben dettagliata; miniature, dadi, schede, carta e penna. Pur apprezzando le varie sperimentazioni e i nuovi generi che sono riusciti a ottenere un discreto seguito nel panorama attuale (ad esempio: quest’anno mi è molto piaciuto “Omen”, un gioco in cui il GM cambia ad ogni turno e invece dei dadi si usano delle pietruzze colorate) io amo i giochi (questo vale anche per i boardgame) che hanno una forte componente narrativa, con una storia, ben scritta, già pronta prima di iniziare a giocare.