Cosa ci aspettiamo da Modena Play?

Se Lucca è LA fiera nerd per eccellenza il Play di Modena è LA fiera dei giochi di ruolo e da tavolo per eccellenza. In occasione di questa edizione, mai come in questo momento, le case editrici del nostro settore stanno sfornando titoli interessanti e di alta qualità. E noi, che siamo curiosi per natura, abbiamo deciso di assediare tutti gli editori per farci dire qualcosa di più.

Al momento in cui il pezzo andrà in stampa probabilmente ci sarà qualche gioco in più e qualcuno in meno, e qualcun altro potrebbe essere già uscito, ma è il bello dello scrivere in anticipo, no? La Eleven Aces porta avanti la cronologia dei suoi giochi arrivando alla decima espansione di Nameless Land con Il Sovrano della Caduta, una grande campagna in edizione limitata, disponibile fino ad esaurimento scorte; per Heavy Sugar verrà pubblicato invece il Pacchetto Accoglienza, un plico contenente tutto l’occorrente per far orientare un personaggio appena arrivato a Balhan City all’interno della città. Vediamo quanti dei giochi in questa lista usciranno davvero! Pronti?

Continua a leggere “Cosa ci aspettiamo da Modena Play?”

Lucca 2018

Cosa ci ha lasciato Lucca quest’anno? È diffi cile parlare del Lucca Comics perché si tratta di qualcosa di più di una semplice fiera. È un’esperienza, di quelle che ti si attaccano addosso e vanno vissute con tutti i cinque sensi: i colori dei cosplay, l’odore dei manuali nuovi, il rumore della folla, il sapore di quei noodles terribili che per qualche motivo ci ostiniamo a prendere ogni volta che andiamo alla fiera.

Come raccontarla quindi a due mesi di distanza, quando questi ricordi sensoriali sbiadiscono e si confondono? L’unico modo per farlo è concentrarsi su quello che ci ha lasciato veramente, oltre la stanchezza, le file interminabili, le bellissime chiacchiere con amici e appassionati e le notti quasi insonni nella nostra dimora un po’ spettrale fuori Lucca. Continua a leggere “Lucca 2018”

Consigli per gli acquisti

Lucca Comics sta arrivando: dal 31 ottobre al 4 novembre attirerà tutto il mondo dei giocatori di ruolo in un vortice caleidoscopico di news e prodotti. In arrivo ci sono decine di giochi e moltissime espansioni, la stragrande maggioranza dei prodotti si prospettano di qualità e di interesse e noi non sappiamo come faremo a salvare il nostro portafogli. Quindi ecco una lista – non completa – dei titoli che compreremo e una motivazione del perché li compreremo. Continua a leggere “Consigli per gli acquisti”

Cartolina da Indiecon

Giorno 12 e 13 maggio si è tenuta una manifestazione piccola ma importante nell’ambito dei gdr e noi non potevamo perderla: stiamo parlando dell’Indiecon. E quindi, per conto di GDR-Time, siamo andati in esplorazione, da Bologna a Rimini, curiosi di sapere cosa ci avrebbe aspettato. Continua a leggere “Cartolina da Indiecon”

Sail the stars

Oggi abbiamo divorato questo bellissimo gioco, di sole nove pagine. Si chiama Sail the Stars, di Richard Lacy. È un gioco adatto a one shot, di genere scifi con forti sfumature utopiche e transumanistiche. Si comincia con la scelta del setting tra i tanti presentati. Ciascuno è contenuto all’interno di una piccola carta ma bastano quelle poche parole a definirlo. Continua a leggere “Sail the stars”

La nostra Play

Questa Play di Modena del 2018 è stata, finora, la più grande della sua storia. Per tre giorni oltre quarantamila visitatori, cinquemila in più rispetto allo scorso anno, si sono affollati tra gli stand dei giochi di ruolo e da tavolo per provare le novità e comprare i loro titoli preferiti.

In molti hanno assistito alle conferenze, di tutti i tipi, riempendo la convention di calore e curiosità. Non sono mancati ospiti importanti, come Avery Alder – autrice di Cuori di Mostro – Francesco Nepitello – autore, tra gli altri, di Avventure nella Terra di Mezzo – e la larper Sonja. Noi, come inviati di GDR Time, abbiamo cercato di essere presenti a più eventi possibile e documentarli per voi, girando come delle trottole per tutti e tre i giorni!

Cinque giochi di ruolo da giocare almeno una volta nella vita

Il nostro hobby sforna centinaia di titoli l’anno, la maggior parte di questi destinata a cadere nel dimenticatoio dopo poco tempo. Ma ci sono alcuni giochi a cui vale la pena di giocare almeno una volta nella vita, in modo da poter dire di aver assaggiato le varie sfumature del nostro vastissimo hobby. La lista che segue è data dal mio gusto personale e si basa anche sul successo che certi giochi hanno avuto e sull’eco che ancora oggi, fuori produzione, continuano ad avere sull’immaginario dei giocatori.

Perché proprio questi giochi?
Tra le decine e decine di titoli davvero belli perché proprio questi? Perché sono giochi che hanno lasciato un segno – i più vecchi sono riusciti a sopravvivere e prosperare nel tempo – i più giovani invece hanno delle idee e delle meccaniche dietro che vale la pena di leggere e scoprire anche se normalmente non si è interessati a niente di diverso dal solito.

Ma quando arrivano le ragazze?

Mi è successo più volte di chiedermi quante donne, e in quale percentuale, condividano con me una delle mie più grandi passioni: il gioco di ruolo.

In realtà non è trascorso molto tempo da quando ho cominciato a giocare: undici anni. Ricordo che, all’epoca, nel mio gruppo ero l’unica donna. In generale, sono dovuti trascorrere un paio di anni prima di trovare una ragazza con cui condividere l’hobby e il party. Non mi è mai capitato di sentirmi fuori posto, ma capitava, ogni tanto, che qualcuno si stupisse parecchio quando da una discussione veniva fuori che io “gioco di ruolo”.

So che, come si può leggere in giro, negli anni passati le donne che giocavano erano un numero prossimo allo zero. Mi fa piacere constatare che, tuttavia, questa tendenza si sta attenuando: sia nei gruppi che nelle pagine che trattano di gdr è possibile ormai imbattersi in numerose donne che non sono più dei “mistici miraggi” per chi gioca, ma delle solide realtà.